Giugno 25

Attacco di panico: cosa c’è da sapere

Attacco di panico e disturbo da panico: tutto quello che c'è da sapere

Un attacco di panico si verifica a causa di un eccesso di ansia. Chiunque può avere un attacco di panico, ma è anche un sintomo caratteristico del disturbo di panico. Può portare a un battito cardiaco accelerato, respirazione rapida, sudorazione, tremore e altri sintomi.

Nelle persone che non hanno un disturbo d'ansia, può verificarsi un attacco di panico se un determinato evento scatena un livello di ansia eccessiva.

Un attacco di panico e un disturbo da panico possono colpire chiunque, ma è più comune tra le donne rispetto agli uomini.

attacco di panico - psicologo cantù

Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù - Psicoterapeuta e terapeuta EMDR

Sintomi

Il panico può portare a vertigini.
Un attacco di panico spesso deriva da un fattore scatenante diretto o da un incidente, ma può anche iniziare all'improvviso e in modo casuale senza una causa ovvia. Si ritiene che provenga da una risposta evolutiva al pericolo.

Un attacco può durare solo per 15 secondi, ma i sintomi possono continuare per circa 30 minuti o più e talvolta per ore.
L'esperienza di un attacco di panico viene di solito descritta come qualcosa di veramente terribile, difficile da dimenticare.

Un attacco di panico comporta almeno quattro dei seguenti sintomi:

I sintomi di un attacco di panico

Verifica se li hai provati

  • Dolore toracico e disagio.
  • Brividi o sensazione di insolitamente caldo.
  • Sensazione di distacco.
  • Capogiri e sensazione di stordimento.
  • Sperimentare una forte, improvvisa paura di morire.
  • Paura di perdere il controllo o sentirsi come se una persona "impazzisse".
  • Sensazione di soffocamento.
  • Palpitazioni cardiache, battito cardiaco irregolare o battito cardiaco accelerato.
  • Nausea e mal di stomaco.
  • Intorpidimento o formicolio.
  • Agitazione o tremore.
  • Sudorazione.
  • Problemi respiratori, sensazione di soffocamento.

Ricorda...

Avere un attacco di panico è probabilmente una delle esperienze più spaventose, sconvolgenti e spiacevoli nella vita di una persona.

Gli attacchi di panico possono anche essere associati all'agorafobia, la paura dei luoghi che l'individuo considera pericolosi o da cui è difficile sfuggire. Le persone che hanno subito un attacco di panico spesso dicono che si sono sentite intrappolate.

A volte i sintomi associati a un attacco di panico possono rispecchiare altre condizioni mediche. Esempi di questi includono disturbi polmonari, patologie cardiache o problemi alla tiroide.

A volte si pensa di avere qualcosa di grave

Considerati i sintomi che si provano a volte si può cercare assistenza medica per il sintomo e non per la causa. Ad esempio si richiedere una vista al pronto soccorso per un attacco cardiaco, ma in realtà è solo una suggestione della mente causata dall'ansia.

Gli attacchi di panico sono curabili e non significano che una persona sia ipocondriaca o malata di mente.

Che cos'è il disturbo da panico?

Il disturbo da panico è una condizione medica mentre gli attacchi di panico sono i sintomi.
In Italia si stima che una percentuale che va dal 1,5% al 5% della popolazione soffra di disturbo da panico che vuol dire che nel nostro Paese tra le 750.000 e i 2,5 milioni di persone soffrono di questo disturbo che di solito di manifesta tra i 15 e i 35 anni ma può anche esordire nell'infanzia come dopo i 40 anni.

5%
% max stimata

In Italia

750.000 - 2.500.000
persone soffrono di disturbo da panico

Le donne hanno maggiori probabilità di sperimentare la condizione.

La condizione si verifica quando una persona ha subito più attacchi di panico e vive anche nella paura di avere un altro attacco di panico. Mentre tutti possono sperimentare un attacco di panico durante la loro vita, quelli con un disturbo da panico sperimentano attacchi ricorrenti.

La paura che possano subire un altro attacco può indurli a ritirarsi da amici e familiari. Potrebbero temere di uscire o in luoghi pubblici. Un disturbo da panico può influenzare gravemente la qualità della vita di una persona e deve essere trattato.

disturbo da panico - psicologo cantù

Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù - Psicoterapeuta e terapeuta EMDR

Le cause

Gli esperti affermano che l'ansia e il panico, in una certa misura, sono una parte necessaria della nostra sopravvivenza. Tuttavia, quando i livelli diventano così alti da minare i normali processi di pensiero, una persona naturalmente ha paura.

Il ruolo dell'amigdala

Quando il cervello riceve un'ondata di segnali nervosi progettati per avvertire di un pericolo imminente, viene attivata l'amigdala, una parte del cervello. L'amigdala controlla la risposta ansiosa di una persona.

L'amigdala di alcune persone reagisce con ansia anche quando non vi è alcun pericolo imminente, rendendo molto più probabile che sperimentino ansia elevata e attacchi di panico.

Quando a una persona viene dato il segnale di reagire con l'ansia, produce adrenalina, nota anche come epinefrina.

Il ruolo dell'adrenalina

L'adrenalina viene rilasciata dalle ghiandole surrenali.
Alcune persone chiamano adrenalina l'ormone "combatti o scappa". Un rilascio di adrenalina nel sistema può aumentare il battito cardiaco, causare sudorazione, far chiudere lo stomaco e provocare una respirazione irregolare. Queste sono tutte caratteristiche di un attacco di panico.

Se non c'è pericolo imminente e il sistema è carico di adrenalina, quell'ormone non verrà utilizzato per scappare e il suo accumulo può causare un attacco di panico.

Fattori di rischio

Numerosi fattori di rischio possono aumentare la probabilità che una persona abbia attacchi di panico e disturbo di panico.

La genetica può svolgere un ruolo. Se una persona ha un parente stretto con disturbo di panico, potrebbe avere maggiori probabilità di avere un attacco di panico.

Oltre alla storia familiare, sperimentare un cambiamento di vita può scatenare ansia e attacchi di panico aumentati.

Gli esempi includono una recente perdita di una persona cara o la separazione del matrimonio. Avere una storia di abusi fisici o sessuali può anche aumentare la probabilità che una persona abbia un disturbo da panico.

Abitudini come fumare o bere quantità eccessive di caffeina sono anche fattori di rischio.

Altri disturbi che aumentano il rischio

Gli attacchi di panico possono anche verificarsi insieme a condizioni come disturbo d'ansia generalizzato (GAD), disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

A volte, tuttavia, non sembra esserci alcun incidente o storia familiare particolare per innescare un attacco.
Possono anche verificarsi senza preavviso.

attacco panico - psicologo cantù molteni

Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù - Psicoterapeuta e terapeuta EMDR

Diagnosi

I criteri per diagnosticare un disturbo di panico includono:

  • Vivere attacchi di panico frequenti e inaspettati.
  • Avere almeno un mese di costante paura di avere un attacco di panico e dei suoi sintomi associati, come perdere il controllo. Una persona può cambiare significativamente il proprio comportamento per paura di avere un attacco di panico in pubblico.
  • Avere attacchi di panico che non sono attribuibili all'assunzione di determinati medicinali o ad un altro disturbo di salute mentale, come la fobia sociale

Se provi questi sintomi hai probabilmente un disturbo da panico.

Trattamento

I trattamenti più comuni per il disturbo di panico sono farmaci e sessioni di psicoterapia.
Se il disturbo da panico è causato da uno o più traumi nel passato può essere efficace il trattamento con la tecnica dell'EMDR.

Prevenzione

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare una persona a ridurre l'incidenza di attacchi di panico e disturbo di panico.

Alcuni esempi:

  • Evitare sostanze note per contribuire a disturbi di panico, tra cui caffeina, fumo o uso di droghe ricreative.
  • Dormire abbastanza ogni notte.
  • Partecipare a un gruppo di supporto per coloro che subiscono regolari attacchi di panico.
  • Adottare misure per ridurre lo stress nella propria vita, come praticare lo yoga, praticare la respirazione profonda o praticare una regolare attività fisica.
psicologo cantù dott.ssa marzia molteni

Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù - Psicoterapeuta e terapeuta EMDR

Complicazioni

Se non trattato, un disturbo di panico può iniziare a influire su molti aspetti della vita di una persona.

Le complicazioni possono includere:

  • Abusare di alcol o altre sostanze come un modo per "sfuggire" alle preoccupazioni della vita quotidiana.
  • Sviluppo di fobie, come l'agorafobia.
  • Problemi finanziari.
  • Aumento del rischio di pensieri legati al suicidio.
  • Astenersi da situazioni sociali.
  • Richiede cure mediche frequenti per problemi di salute.

Cercare un trattamento medico per il disturbo da panico può aiutare a prevenire queste complicanze.

Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù - Psicoterapeuta e terapeuta EMDR

Cosa fare se soffri di un disturbo da panico

Il disturbo da panico può essere altamente invalidante e contribuire a peggiorare in modo significativo la qualità della vita. La paura costante che possa riaccendersi qualcosa di inaspettato che faccia scattare i sintomi di un attacco di panico può portare a evitare le persone care, non poter più andare al lavoro, non spostarsi più da casa considerato l'unico rifugio sicuro.
In questi casi rivolgersi a un professionista è l'unica soluzione per affrontare il problema e cercare di trovare delle soluzioni per tornare, con i giusti tempi, alla normalità.
Il disturbo da panico può essere trattato.

Fai il primo passo

Se pensi di avere un disturbo da panico e vuoi avere un incontro prima di decidere se intraprendere un percorso di psicoterapia fissa un consulto informativo gratuito (è possibile anche farlo on line tramite Skype).

SOCIAL NETWORK - Dott.ssa Marzia Molteni - Psicologo Cantù

Note sull'autrice

Marzia Molteni

Psicologo Cantù

Dott.ssa Marzia Molteni ​specializzata in psicoterapia sistemico relazionale per stress​, ansia, ​disturbi somatici e terapeuta EMDR. ​​​Mamma di Sebastiano ed Emanuele e grazie a loro ha scoperto il fantastico mondo della genitorialità e h​a imparato cosa vuol dire prendersi cura dei propri figli con tutti gli aspetti positivi e le paure che questo comporta.


Tags

Ansia


Forse potrebbero interessarti...

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Iscriviti alla mia newsletter!

Prima di inviare i dati leggi la Privacy Policy

>